Mobbing: cosa fare e a chi rivolgersi

  • Mobbing: cosa fare e a chi rivolgersi
    Pubblicata il:

    I nostri avvocati ti raccontano tutto sul Mobbing: come difenderti e in quali casi rivolgerti a un avvocato.

    Cosa significa Mobbing?

    Mobbing è un verbo della lingua inglese (to mob) e significa "molestando" . Il Tribunale Amministrativo Regionale della Basilicata nel 2012 con sentenza numero 6 ha definito in maniera precisa ed impeccabile il mobbing ovvero come una condotta sistematica e soprattuto protratta nel tempo da parte di un superiore gerarchico o del datore di lavoro tenuta nei confronti del lavoratore .

    Che si risolva in sistematici e reiterati comportamenti ostili che finiscono per assumere forme di prevaricazione o di persecuzione psicologica, da cui può conseguire la mortificazione morale e l’emarginazione del dipendente, con effetto lesivo del suo equilibrio fisiopsichico e del complesso della sua personalità. Varie pronunce di Cassazione hanno individuato 4 tipi di mobbing 

    1 Mobbing verticale ovvero dall'alto verso il basso. Esempio tipico è il datore di lavoro che mette in essere comportamenti mobbizzanti volti ad incutere terrore psicologico ad lavoratore;

    2 mobbing orizzontale ovvero tra lavoratore e lavoratore; 

    3 bossing ovvero strategia aziendale volta ad eliminare qualcuno (es. donne nella maggior parte dei casi o disabili o sindacalisti) 

    4 mobbing inverso ovvero dal basso verso l'alto in questo caso sono i lavoratori che pongono in essere comportamenti mobbizzanti verso il datore di lavoro.  

    Come si può difendere chi è vittima di mobbing?

    Mobbing è un verbo della lingua inglese (to mob) e significa "molestando" . Il Tribunale Amministrativo Regionale della Basilicata nel 2012 con sentenza numero 6 ha definito in maniera precisa ed impeccabile il mobbing ovvero come una condotta sistematica e soprattuto protratta nel tempo da parte di un superiore gerarchico o del datore di lavoro tenuta nei confronti del lavoratore  

    Come faccio a dimostrare episodi avvenuti nell'ambiente di lavoro?

    Una importante sentenza di Cassazione la numero 143 del 2000 ha previsto tra i vari modi di dimostrare il mobbing l'uso di registrazioni in quanto in ambito lavorativo, come affermato dalla stessa sentenza, c'è tanta "omertà". Nel ricorso volto a dimostrare il mobbing devono essere riportati in maniera precisa e dettagliata la pluralità di comportamenti o atti o singole azioni e soprattuto le conseguenze a cui hanno portato tali comportamenti mobbizzanti come trasferimento, dequalificazione. 

    Cosa fare

    Come denunciare il mobbing?

    In ogni città esistono gli sportelli mobbing i cui indirizzi sono facilmente reperibili su internet i quali aiutano la vittima in maniera totalmente gratuita. Il mobbing può essere denunciato con l'intervento di un legale il quale stragiudizialmente invia al datore di lavoro una lettera di diffida specificando che i comportamenti che lo stesso tiene verso il lavoratore vittima sono causa di sofferenza e malessere. Diversamente qualora tali comportamenti mobbizzanti sono affiancati anche da calunnie e minacce si può denunciare la cosa direttamente alle Pubbliche Autorità.   

    Come Comportarsi in Caso di Mobbing

    Di fondamentale importanza è l'acquisizione di prove ove si possa evincere chiaramente che il proprio datore di lavoro o un collega stia ponendo in essere una condotta mobbizzante.  Altro dettaglio di non minore importanza è chiedere aiuto a colleghi-amici, i quali, saranno loro poi che in un eventuale giudizio dovranno venire a testimoniare contro chi ha posto in essere tali comportamenti. Ulteriore passo da fare è rivolgersi a strutture ospedaliere al fine di farsi diagnosticare le conseguenze che tale comportamento hanno avuto sulla persona stessa, tali diagnosi verranno poi prodotte in giudizio al fine di quantificare il danno. Infine di fondamentale importanza è rivolgersi ad uno studio legale esperto nel settore il quale vi accompagnerà per tutto l'iter finalizzato, in primis all'ottenimento della cessazione dei comportamenti persecutori e in secondo luogo al risarcimento dei danni subiti.  

    Mobbing sul lavoro: a chi rivolgersi?

    Come detto il mobbing consiste in una serie di comportamenti, che riferiscono ad una precisa strategia persecutoria, posti in essere dal datore di lavoro per isolare, fisicamente e psicologicamente, il lavoratore, i quali assumono rilievo di illecito contrattuale ai sensi dell'art. 2087 c.c. e ove accertati obbligano il datore di lavoro o chi per essi a risarcire i danni patrimoniali e non patrimoniali ( danno biologico, danno esistenziale, danno morale). Il danno non patrimoniale di cui all'art. 2059 c.c. non può più essere identificato soltanto come il danno morale soggettivo, costituito dalla sofferenza contingente e dal turbamento dell'animo transeunte, determinati da fatto illecito integrante reato. Pertanto nel danno non patrimoniale di cui all art. 2059 c.c. rientra, oltre al tradizionale danno morale, anche ogni ipotesi in cui si verifichi una ingiusta lesione di valori della persona costituzionalmente garantiti, dalla quale lesione conseguono pregiudizi non suscettibili di valutazione economica. Il danno non patrimoniale dunque si compendia della triplice azione: danno morale soggettivo, danno biologico e danno esistenziale. 

    Cosa può fare un avvocato per il mio caso di mobbing?

    L'avvocato provvederà ad inoltrare una lettera di diffida al datore di lavoro ove si denuncia il mobbing e le conseguenze che lo stesso comportamento sta avendo sul lavoratore. Con tale lettera di diffida si inviterà il datore di lavoro a cessare tali comportamenti mobbizzanti,e, ove ciò non accada, si adirà l'autorità giudiziaria con lo scopo di ottenere il risarcimento dei danni subiti.

    Lo Studio Legale Sgambato, presente sul tutto il territorio nazionale ha una consolidata esperienza nel trattamento di tutti i casi legati al diritto del lavoro.

    Per richiedere una consulenza contattaci in chat o usa uno dei seguenti riferimenti:

    0823 75 16 65

    +39 338 143 6332

    info@sgambatoassociati.it

    Autore articolo Mobbing: cosa fare e a chi rivolgersi: Sgambato Associati
Hai bisogno di una consulenza? Contattaci per avviare la tua pratica
telefono sgambato associati 0823 751665

Altre notizie in ambito Diritto del Lavoro